Agriturismi in Basilicata - Costa Ionica
Metaponto, Policoro, Lido Quarantotto, Scanzano Jonico

Agriturismo basilicata
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

Una trilogia perfetta di natura, mare e cultura, questa e la costa ionica lucana, da Nova Siri a Metaponto, passando per Poliporo, Scanzano Jonico e Marina di Pisticci.
Un tratto di costa, lungo 35 km, con spiagge comode, ampi arenili, due estese pinete, su un mare ancora cristallino. Difficile non pensare qui ai primi coloni greci, che spuntarono all’orizzonte agli albori dell’VIII secolo a.C., veleggiando lungo le rotte tracciate secoli prima dai mercanti micenei, che avevano raccontato di questa terra ferace e fertilissima. Portavano con sé cultura, arte, pensiero, civiltà. I loro pensatori e i loro architetti. Costruirono templi, teatri, fortificazioni, acquedotti, piazze e strade; penetrarono nell’entroterra lungo le vie fluviali, sovrastando con la loro cultura le civiltà autoctone e creando condizioni di equilibrio e prosperità. I segni del loro passaggio affondano nella storia di questa terra. Agli Achei del Peloponneso spettano i primi insediamenti sulla costa ionica: Metaponto, fra il Bradano e il Basento, e Siris (l’attuale Poliporo), alla foce del fiume Sinni. Fu qui che passarono gli elefanti di Pirro (282 a.C.), bivaccarono i soldati di Roma e le truppe di Annibale. Visitarono il luogo Plutarco, Spartaco, Cicerone, e Pitagora di Samo elesse Metaponto (il “granaio” della Magna Grecia) a sede della sua scuola di genio e di pensiero. Questa terra incantò anche Federico II di Svevia, grazie al quale Heraclea tornò a vivere dopo anni di abbandono. La rinascita della costa e dell’entroterra è storia recente, legata alla riforma agraria della metà del XX secolo con la suddivisione del latifondo.
Oggi, una vivace agricoltura intensiva basata sulla produzione di primizie, i tesori d’arte dei parchi archeologici di Metaponto e di Policoro e le stazioni balneari di Lido Quarantotto, di Scanzano Jonico, di Nova Siri, ai piedi del meraviglioso Bosco Pantano, convivono rendendo unico questo tratto di costa ionica.
La storia di Policoro si perde nella notte dei tempi: sorge sul sito dell’antica Heraclea, fondata nel V secolo a.C., ma prima ancora era un centro di scambi commerciali micenei. Da visitare il Museo nazionale della Siritide e il castello che domina la collina. Di grande suggestione è la visita all’adiacente Parco archeologico, che comprende le aree urbane delle colonie greche attorno al castello e, nella vallata sottostante, la zona sacra. Dopo la visita non c’è nulla di più piacevole che tuffarsi nelle acque del mare al Lido di Policoro, dove le spiagge sono larghe e sabbiose. A 2 km si estende un’oasi ambientale tra le più belle della Basilicata: la Riserva naturale Bosco Pantano, un’area protetta di 500 ettari con una flora e una fauna particolarmente rare i questa regione.
Riprendendo la strada statale 106 in direzione nord, in 4 km si arriva a Scanzano Jonico, immersa in una campagna ben coltivata e interessanti resti archeologici nelle vicinanze. Il Lido, con spiagge ben curate, è meta di un buon flusso turistico.
Dopo una quindicina di km si raggiunge la cittadina di Metaponto, affacciata su un mare blu cobalto che invita subito alla sosta. Importanti resti del suo glorioso passato si trovano nel Parco archeologico e nel Museo  Archeologico Nazionale di Metaponto.

Heraclea Tempio di Hera - Parco Archeologico di Metaponto

La Lucania orientale, oltre alla costa, presenta una grande varietà di paesaggi. Si va dall’estremo lembo orientale della valle dell’Agri e del Sinni, ai monti ricoperti di boschi di querce e castagni del Parco naturale Gallipoli-Cognato, per poi immergersi nel tipico paesaggio della bassa collina materna, solcata da profonde gravine e dalle valli del Bradano e Basento, con le colline ammantate di olivi e campi di grano, sino ai frutteti che digradano nella piana metapontina, sulla costa ionica. Senza dimenticare le creste argillose che solcano la campagna di Tursi, presso il santuario di Anglona, offrendo un orizzonte insolito, bianco, quasi onirico, nella profonda Fossa di Bersagliere, mirabile sfondo naturale di Aliano.
I più interessanti centri abitati sono Colobraro, S. Arcangelo, Aliano, Tursi, Stigliano, Accettura, Ferrandina: detti i “luoghi di Carlo Levi”. Infatti, lo scrittore  abitò ad Aliano, al confino, nel 1935-36, prodigandosi come medico e dedicandosi alla pittura, sua grande passione. E’ a questi luoghi che si ispirò per “Cristo si è fermato a Eboli”, forse una delle più belle pagine di denuncia sulle condizioni socio-economiche del Meridione, esaltando però la straordinaria bellezza del mondo contadino.

Metaponto - Costa Jonica Metaponto - Costa Jonica (foto www.aptbasilicata.it)

Agriturismo
Agriturismo San Teodoro Nuovo

Agriturismo San Teodoro Nuovo
E la residenza ideale per chi desidera tonificare il corpo e lo spirito in un luogo rilassante, avvolto dal fascino di origini antiche, di profumi inebrianti, di colori splendidi e di sapori genuini.

Tel. +39.0835. 470 042
Sito web: www.santeodoronuovo.com
E-mail: [email protected]

Agriturismo in Italia

Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!