Agriturismi in Umbria - Assisi e Perugia
Assisi, Perugia, Torgiano, Monte Subasio

Agriturismo umbria
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

La città di Assisi nacque in epoca romana, ma la sua fama e importanza risalgono al Medioevo dei Comuni, e quando nel Duecento sorse la basilica di San Francesco fuori dal borgo, la città era ormai formata, costruita con la pietra rossastra del Subasio cui se deve la colorazione particolare di tutto il centro. Nel Trecento, con il passaggio sotto il dominio della Chiesa vennero costruite le due rocche e nei secoli seguenti la città non cambiò molto. Ancora oggi, infatti, il borgo si offre ai visitatori in tutto il suo fascino senza tempo.
Lungo il versante meridionale delle mura di Assisi si trovano numerosi parcheggi. Entrando nel centro storico da Porta Nuova, a su-est della città, attraverso via Borgo Aretino si raggiunge rapidamente il primo grande edificio cittadino, la basilica di Santa Chiara, nel cuore di un quartiere di epoca medievale, collegato da ripide strade alla parte superiore, che risale all’epoca romana, dove si trovano la cattedrale di San Rufino e la piazza del Comune (su cui si affacciano il Tempio di Minerva, il Palazzo del Capitano del Popolo, il Palazzo dei Priori). Da qui, percorrendo le vie del Seminario e di San Francesco lungo le quali si trovano edifici medievali e la Pinacoteca Comunale, si raggiunge la grande basilica dedicata a Santo. San Francesco morì il 3 ottobre 1226 e appena un anno dopo Frate Elia, vicario dell’ordine francescano, fu incaricato da papa Gregorio IX di edificare una chiesa dedicata al santo. Dopo la posa della prima pietra iniziò a prendere forma la basilica inferiore, alla quale poi, con il procedere dei lavori, si andò a sovrapporre la basilica superiore. La chiesa fu consacrata da Innocenzo IV nel 1253. Con la fine dei lavori nella cappella di Santa Caterina terminò, nel 1367, la costruzione del grande tempio a cui lavorarono i massimi pittori dell’epoca: Giotto, Cimabue, Lorenzetti e Simone Martini.
Tantissimi i monumenti da visitare ad Assisi, oltre ai già citati, troviamo l’Oratorio dei Pellegrini, , la chiesa di San Pietro, la chiesa di Santa maria Maggiore, la Rocca Maggiore, il Santuario di San Damiano, la basilica di Santa Maria degli Angeli – Porziuncola, e tanti altri.

Basilica di San Francesco - Assisi Assisi - Basilica di San Francesco (foto http://guanciarossa.altervista.org)

Il centro storico di Assisi ricade nel territorio del Parco Regionale del Monte Subasio. Isolato e dalla caratteristica forma tondeggiante, il Monte Subasio (1290 m) si innalza tra i centri di Assisi, Spello e Nocera Umbra. Nel territorio protetto e in particolare sul monte, le bellezze naturali si alternano ai tanti luoghi di importanza storica e religiosa. Il monte rea infatti considerato luogo “sacro” già nel X secolo a.C., e non sorprende dunque che tanta importanza abbia rivestito anche nella vita di San Francesco, che dalla natura di questa zona ha forse tratto ispirazione per il suo Cantico delle Creature. Merita sicuramente una visita l’Eremo delle Carceri, a soli 4 chilometri da Assisi, lungo le pendici del Subasio. E’ un piccolo romitaggio silenzioso e discreto, immerso in un fitto bosco. Il nome deriva dal fatto che qui i frati di Francesco si ritiravano (si “carceravano”) in preghiera: si conserva oggi una chiesa quattrocentesca e la grotta dove San Francesco usava riposare. Oltrepassato l’eremo e un ponte, si può continuare a passeggiare nel bosco, scoprendo una serie di grotte e romitaggi abitati nel Medioevo da fedeli e frati. All’interno del Parco si trovano anche la Rocca di Postignano, il Castello di Armenzano, l’abbazia di San Silvestro e il borgo di Collepino.

La Basilica di Assisi
La città di Assisi, la Basilica e altri luoghi francescani sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità nel 2000. Nella motivazione l’UNESCO ha sottolineato che Assisi costituisce un “esempio unico di continuità storica di una città con il suo paesaggio culturale e l’insieme del sistema territoriale”.
Il 16 luglio del 1228, a due anni dalla morte, Francesco venne proclamato santo da Papa Gregorio IX; il giorno dopo, il 17 luglio, lo stesso Papa e il generale dell’Ordine minoritico, frate Elia da Cortona, posero le prime pietre per la costruzione della Basilica. Secondo la tradizione, fu lo stesso Francesco ad indicare il luogo in cui voleva essere sepolto. E’ la collina inferiore della città dove venivano sepolti i “senza legge”, i condannati dalla giustizia (forse anche per questo era chiamata Collis inferni). Su quel colle, che poi venne chiamato Collis paradisi, fu edificata la Basilica.
I lavori si conclusero nel 1253 sotto il pontificato di Innocenzo IV. Per completarla arrivarono offerte da ogni parte del mondo e vennero chiamati maestri architetti, decoratori e pittori tra i migliori dell’epoca.
Nel 1230 la salma di Francesco venne tumulata nella nuova Basilica. Il corpo del santo è deposto in un sarcofago sotto l’altare maggiore, dov’è tutt’ora conservato in una piccola cripta.  
-La Basilica inferiore ha la funzione di chiesa commemorativa. 
-La Basilica superiore è adibita alle funzioni liturgiche di carattere ufficiale, come testimonia la presenza del trono papale nell’abside.

Da Assisi, verso ovest, si raggiunge in pochi chilometri Perugia, capoluogo e centro principale dell’Umbria. Il centro storico della città, di impronta architettonica medievale ma di impianto urbanistico etrusco, sorge sul colle che domina la Val Tiberina, ai piedi del quale nel corso del Novecento si è sviluppata la città moderna. E’ stata proprio la posizione strategica a dare importanza alla città, le cui origini risalgono al IX secolo a.C. Fu poi città etrusca e dal 295 a.C. romana. Distrutta e riedificata da Ottaviano nel 40 a.C., dopo il periodo bizantino conobbe il suo massimo splendore in epoca medievale, fino al XIV secolo, quando le lotte intestine ne minarono la solidità. Passò allo Stato della Chiesa nel 1540 e da allora ha seguito le sorti del resto della regione. Per la visita della città di Perugia, si consiglia di lasciare la macchina al parcheggio di piazzale Partigiani e da qui prendere la scala mobile che raggiunge il centro storico, passando per i resti della Rocca Paolina, con la Porta Marzia incastonata nel bastione di levante, e sbucando in piazza Italia. Da qui, imboccando corso Cavour, si raggiunge prima la chiesa di San Domenico, che nel convento annesso ospita il Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria, e poi il monastero benedettino di San Pietro, fondato intorno alla fine del X secolo su resti di antichi edifici etruschi, romani e paleocristiani. Sempre da piazza Italia, ma in direzione nord, si imbocca corso Vannucci, il principale della città, che sbuca in piazza IV novembre, sulla quale si trovano i due monumenti più importanti, il Palazzo dei Priori e la Fontana Maggiore. I palazzo fu edificato a varie riprese tra il 1293 e il 1443, nel periodo del maggior splendore di Perugia, ed è uno degli edifici più imponenti del Medioevo italiano. All’interno ospita la Galleria Nazionale dell’Umbria, ricco di opere significative del periodo tra il XIII e il XIX secolo. La Fontana Maggiore, costruita tra il 1275 e il 1278 da Nicola Pisano e dal figlio Giovanni, è sia una splendida creazione architettonica sia una complessa opera idraulica.
Altri importanti monumenti della città di Perugia sono il Duomo, il Palazzo del Capitano del Popolo, la chiesa di San Severo, l’oratorio di San Bernardino, la chiesa paleocristiana di Sant’Angelo, l’Arco di Augusto, il Pozzo Etrusco.
Scendendo da Perugia in direzione sud, lungo la statale 3bis, una deviazione verso est conduce a Torgiano, piccolo paese abitato sin dall’epoca romana ma rifondato nel corso del Medioevo da Perugia come sito fortificato per il controllo del territorio, come attesta ancora la Torre Baglioni, forse del XIII secolo. Il borgo deve la sua fama a due fattori: il primo è la bella posizione alla confluenza del Tevere con il fiume Chiascio, il secondo è l’ormai storica produzione vitivinicola, ricordata nello stemma della città e raccontata nel Museo del Vino. Sulle colline circostanti si produce infatti un eccellente vino a denominazione di origine controllata e garantita, il Torgiano Rosso Riserva.

Palazzo dei Priori e Fontana Maggiore Palazzo dei Priori e Fontana Maggiore - Perugia

Agriturismo
Agriturismo Olimpia

Agriturismo Olimpia
E' ospitato in un vecchio casale recentemente ristrutturato posto in zona collinare a più di 350 m s.l.m., nelle immediate vicinanze del centro medievale di Valfabbrica, tra Assisi e Gubbio.

Tel. 075 9010122
Sito web: www.agriturismolimpia.it
E-mail: [email protected]

Antica Fattoria del Colle

Antica Fattoria del Colle
Nel cuore dell'Umbria, a soli quattro chilometri da Deruta, salendo per una strada nel bosco, completamente immersi nel verde tra ulivi, vigneti, campi di grano e girasole ...

Tel. +390558351079
Sito web: www.anticafattoriadelcolle.it
E-mail: [email protected]

Agriturismo in Italia

Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!