Agriturismi nel Lazio - Sperlonga, Gaeta e dintorni
Sperlonga, Fondi, Gaeta, Formia, Scauri

Agriturismo lazio
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

La porzione meridionale della provincia di Latina presenta interessanti centri abitati sulla costa e una campagna fertile all'interno. Sperlonga è un vecchio borgo peschereccio diventato uno dei principali centri turistici del litorale laziale. E' formato da una parte nuova distesa in piano lungo la spiaggia e formata in gran parte da seconde case abitate stagionalmente, e da una parte antica che s'innalza a 65 m, raccolta su uno sperone a picco sul mare.. questa, a dominio della bella spiaggia di Angolo, orlata da oliveti, dal morbido arenile, si compone di bianche case di tipo schiettamente mediterraneo, entro le quali si intersecano pittoreschi vicoli movimentati da scale e archetti; conserva mura medievali e porte e, sul Capo di Sperlonga che si protende in mare, un'antica torre di avvistamento detta Truglia.

Sperlonga Sperlonga (foto www.cicloverdi.it)

Fondi è situata nella piana litoranea dei monti Aurunci, presso l'omonimo lago. Vivace e antichissima cittadina al centro di un importante zona agricola, conserva nel nucleo storico numerosi monumenti medievali. Conserva, entro le mura, l'originaria pianta rettangolare incentrata sulla Via Appia, divisa da decumani e da cardini secondo lo schema classico dell'accampamento romano.
Gaeta, situata sul promontorio di Monte Orlando, propaggine dei monti Aurunci, che divide in due parti l'ampio golfo a cui dà il nome, per la sua bella posizione naturale, per il carattere pittoresco e vario dei suoi quartieri, per i suoi numerosi monumenti, è una delle città più interessanti del Lazio. Antica piazzaforte militare, è oggi porto peschereccio e petrolifero e centro turistico e industriale. In età romana fu un rinomato luogo di villeggiatura di vari imperatori, e su tutta la costiera verso Sperlonga vennero edificate grandiose ville con giardini e piscine, ninfei, templi e mausolei di cui restano ovunque imponenti testimonianze. Nel Medioevo, grazie alla felice posizione naturale facilmente difendibile, Gaeta divenne una rocca, costituendosi nella prima metà del secolo IX in autonomo e fiorente ducato, oltre che sede vescovile, e dando inizio ad un intenso commercio marittimo nel Mediterraneo. Nell'XI secolo passò sotto il dominio di Napoli e seguì le sue successive dominazioni (normanna, sveva, angioina, durazzesca, aragonese), diventando la seconda città del Regno. La permanenza in Gaeta di alcuni sovrani determinò la costruzione di notevoli edifici, civili e religiosi, che hanno conferito al nucleo urbano una particolare impronta storico–artistica: tra i tanti basterà ricordare il castello, sorto come sede regale. Alla lunga dominazione spagnola, protrattasi fino al 1707, seguirono gli Austriaci, mentre nel 1734 si ebbe la conquista di Gaeta da parte di Carlo di Borbone, il fondatore della dinastia borbonica napoletana. Fino al definitivo passaggio al Regno d'Italia nel 1861.

Gaeta Promontorio di Gaeta (foto www.ilmiolazio.it)

Formia, importante centro commerciale e del terziario, è anche una frequentata località balneare. L'abitato attuale, che si sviluppa ai lati della Via Appia, deriva dalla fusione di due parti che in passato erano separate: il vecchio nucleo di Castellone, esistente già nel Medioevo, e quello di Mola, meno antico e più vicino alla costa. L'espansione edilizia di Formia, combinata a quella di Gaeta, ha determinato la saldatura degli abitati delle due città, che ora formano una conurbazione costiera unica.
Proseguendo lungo la costa, quasi al confine con la Campania, si giunge a Scauri, frequentata stazione balneare sorta e sviluppatasi negli ultimi decenni attorno al piccolo nucleo antico; si estende per lungo tratto ai lati della Appia e nella breve piana verso il mare. Sorge presso le rovine di un'antica città marittima ausone che viene identificata con Pirae, non più esistente come centro urbano già ai tempi di Plinio, ma di cui sono rimasti notevoli resti. In seguito nella località sorsero ville di ricchi romani, fra le quali quella di Marco Emilio Scauro, console dal 115 a.C., da cui è derivato il nome di Scauri.

Agriturismo
Agriturismo Villa Prato

Agriturismo Villa Prato
Si estende per due ettari coltivati ad ortaggi e frutta. E situata ai piedi di un tipico colle mediterraneo e dista solo 10 minuti di cammino dal limpido mare di Sperlonga.

Tel. 0771 549770
Sito web: www.agriturismovillaprato.it
E-mail: [email protected]

Agriturismo in Italia

Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!