Agriturismi in Veneto - Bassano del Grappa e dintorni
Bassano del Grappa, Marostica, Breganze

Agriturismo veneto
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

I territori di Bassano del Grappa e Marostica appartengono a una zona geograficamente omogenea, ma i due centri sono stati di confine l'uno per l'altro, al margine di egemonie politiche e di circoscrizioni amministrative e diocesane diverse, non di rado in conflitto. Poste entrambe allo sbocco della Valsugana, asse di comunicazione stradale e fluviale lungo il quale transitava verso Padova e Venezia ogni genere di merci, costituivano un passaggio obbligato che conveniva presidiare e stabilmente abitare, come fecero per primi i Romani nel I secolo a.C.
Bassano del Grappa è oggi un centro produttivo, commerciale e amministrativo di prim'ordine dell'arco pedemontano vicentino, posto su un terrazzamento a 129 m ai piedi del Monte Grappa e dell'altopiano dei Sette Comuni. I processi di crescita produttiva che hanno interessato la città negli ultimi decenni sono sono, per fortuna, rimasti ai margini del nucleo storico, riconfermando quella civile attenzione alle cose della cultura e dell'arte storicamente espresse dalla società bassanese, di cui sono testimonianza le importanti collezioni storiche ottocentesche e, prima ancora, la produzione pittorica della famiglia di Da Ponte e quella tipografica dei Remondini. Il fascino di Bassano deriva anche da questo, dall'avere saputo conservare la memoria del suo passato nella compattezza dell'impianto urbano, come del tessuto edilizio minore. In questo contesto, anche la valorizzazione turistica dei suoi manufatti più noti, come il ponte "degli Alpini", pare evocazione non retorica della propria storia. Alcuni monumenti da visitare: la settecentesca Ca' Rezzonico; il Duomo, ricostruito nel 1417 e più volte rimaneggiato; il Museo Civico, con  pinacoteca e sezioni dedicate alla storia locale e  alle ceramiche, e la famosissima raccolta delle stampe popolari dei Remondini, la chiesa romanico-gotica di San Francesco; Villa Bianchi Michiel, nella campagna circostante, costruita nel Cinquecento su progetto del Palladio, che presenta un portico dorico e un elegante giardino con statue del XVIII; oltre, naturalmente, al ponte degli Alpini, così nominato in onore degli alpini che lo ricostruirono dopo la guerra, il monumento più famoso di Bassano. L'antico Ponte Vecchio fu progettato dal Palladio con struttura lignea ed arcate marmoree agli ingressi.

Bassano - Ponte degli Alpini Bassano - Ponte degli Alpini (foto www.meteobassano.it)

L'area a sud di Bassano del Grappa corrisponde al territorio da sempre gravitante sulla cittadina e, attorno a Nove, Mussolente e Romano d'Ezzelino, a quello già compreso nelle podesterie di Marostica e Asolo. Alla conversione da agraria a commerciale e manifatturiera dell'economia della zona ha corrisposto negli ultimi decenni una massiccia espansione edilizia con fenomeni di conurbazione e parziale intacco dell'ambiente. Restano, tuttavia, ampi tratti di libera campagna, dove è diffusa la coltura specializzata dell'asparago, ancora nella misura della centuriazione romana e irrigata da una fitta di canali plurisecolari. Numerose le ville e interessanti le chiese, ornate quasi tutte dal pennello di Jacopo Da Ponte e della sua scuola.
Marostica, antico borgo fortificato a ridosso delle prime pendici prealpini, trae carattere dall'inalterato impianto urbanistico disegnato in età scaligera entro l'ampia cinta murata, che raccorda i due castelli inerpicandosi arditamente sul colle Pausolino. Centro agricolo rinomato per la produzione di ciliege, ha sviluppato negli ultimi decenni anche molte attività industriali.

Marostica Marostica - Piazza Scacchi (foto Panoramio)

Marostica è nota in tutto il mondo per la partita a scacchi che si svolge ogni due anni con personaggi viventi nella piazza cittadina, nella seconda settimana di settembre, e che si ispira ad una vicenda ambientata a metà del XV secolo.
Pochi chilometri a sud-ovest di Marostica, ecco Breganze, rinomato centro vitivinicolo e industriale, citato prima del Mille. Entrando nell'abitato emerge la torre della Villa Mascarello-Noventa, già mastio di una struttura militare nel '400 adattata a residenza; al secolo XI risale la fondazione dell'adiacente cappella dei Ss. Vito e Modesto. Da vedere anche Villa Monza-Savardo, della seconda metà del Seicento, accanto a una preesistente colombara e con annesso oratorio progettato da Ottone Calderari nel 1760.

Agriturismo
Agriturismo Ca' Tres

Agriturismo Ca' Tres
Ai piedi delle colline di Marostica, vi si coltivano principalmente l’asparago bianco DOP di Bassano del Grappa, le ciliegie IGP di Marostica e fragole; nel periodo estivo si coltivano ortaggi.

Tel. 0424 75784
Sito web: www.agriturismocatres.it
E-mail: [email protected]

Agriturismo in Italia

Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!