Agriturismi in Lombardia - Alta Valtellina e Bormio
Aprica, Tirano, Sondalo, Bormio, Santa Caterina Valfurva, Livigno

Agriturismo lombardia
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

A Tresenda la vallata piega bruscamente a nord-est, passando dalla "Valtellina agricola" alla "Valtellina pastorale" del Bormiese e delle valli laterali, nella quale è possibile leggere i contradditori segni del passaggio dalla tradizionale economia alpina a quella fondata sullo sfruttamento turistico della montagna. Tresenda è un antico luogo di passaggio dell'Adda, allo sbocco della strada del passo dell'Aprica, che mette in comunicazione con la Valcamonica. Il passo (m 1176) segna l'inizio di un'ampia valle sospesa, racchiusa tra boschi di conifere, dove sorge Aprica, rinomata stazione di villeggiatura e di sport invernali i cui insediamenti turistici e alberghieri, condomini e ville si sviluppano ormai senza soluzione di continuità per oltre 3 km nei nuclei di Madonna, Mavigna e San Pietro.
Tirano, divisa in due parti dall'Adda, è una cittadina di antica tradizione commerciale con un nucleo storico nel quale rimangono bei palazzi e resti delle fortificazioni tardoquattrocentesche, testimonianze di una passata importanza politica e militare.
Risalendo lungo la valle, si giunge a Sondalo (939 m), stazione climatica e di cura su cui domina la chiesa Prepositurale, eretta nel sec. XIV e ampliata nel XVII, circondata su due lati da un portico.
Bormio, situata all'incrocio delle strade per lo Stelvio, Livigno e la Valfurva, è una delle maggiori stazioni di villeggiatura estiva e di sport invernali delle Alpi, nonché punto di partenza per escursioni e per ascensioni nel gruppo dell'Ortles-Cevedale e nel Parco Nazionale dello Stelvio. L'abitato, un tempo esteso a ventaglio sul conoide del Frodolfo, si è ampliato sino a occupare, con i nuovi complessi alberghieri e residenziali, anche le pendici della Cresta di Reit. Lo sfruttamento turistico, particolarmente intenso a partire dagli anni '60 del '900, ha solo parzialmente alterato l'interessante vecchio nucleo, che tuttora conserva nell'impianto e nelle tipologie alcuni caratteri dell'antico villaggio alpino. Rimangono inoltre numerose abitazioni pre-ottocentesche, interessanti per i portali, per le decorazioni e per gli affreschi che abbelliscono le facciate. Molto interessante anche l'offerta legata al turismo termale: vasche al coperto e all'aperto, grotte naturali e parchi acquatici per relax e divertimento, alimentati da acque con proprietà disintossicanti e tonificanti.

Bormio Bormio (foto www.biciticino.ch)

La Valfurva, percorsa dalla statale del Gavia, è una delle più suggestive e integre valli confluenti nella conca bormiese. Dominata dal gruppo dell'Ortles-Cevedale, offre molteplici possibilità di effettuare escursioni ed ascensioni, facilitate da un buon numero di rifugi alpini. Santa Caterina Valfurva (1780 m), allo sbocco delle valli del Forno e di Gavia e dominata dalla piramide del Pizzo Tresero (3602 m) è una rinomata stazione turistica estiva ed invernale. Importanti interventi sono stati realizzati in occasione dei Campionati Mondiali di Sci del 2005, che hanno reso la stazione tra le più interessanti delle Alpi.
Tornando a Bormio, un'escursione suggestiva è quella che porta, in 22 km, al passo dello Stelvio, che collega la Valtellina con la Val Venosta. La strada è stata realizzata nel 1820-25 e si snoda con numerosi tornanti nella valle del torrente Braulio, risalendo a un'altitudine di 2758 m (è tra le strade più alte d'Europa). Il passo dello Stelvio, in un amplissimo panorama di monti e ghiacciai dominato dal gruppo dell'Ortles-Cevedale, formacon la vicina zona del Livrio un'importante stazione sciistica e sci-alpinistica estiva.

Alta Valtellina Pascolo nell'Alta Valtellina

Percorrendo la Valdidentro e superati i passi del Foscagno e di Eira, si scende nella valle di Livigno, percorsa dal torrente Spoel, tributario dell'Inn. L'asperità delle condizioni naturali spiega la situazione di isolamento che ha caratterizzato la valle nei secoli passati, solo di recente attenuata dal miglioeamento dei mezzi di trasporto e dei sistemi di sgombero della neve. Per queste ragioni, fin dal XVI secolo il Livignasco ha goduto di particolari privilegi, che tuttora esistono nel regime di extra-doganalità.

Agriturismo
Agriturismo La Trescenda

Agriturismo La Trescenda
Cucina fatta di antichi sapori e tradizioni valtellinesi ed emiliane in un'atmosfera accogliente. Bio-agriturismo, maneggio, allevamento cavalli, alpaca, lama - Livigno

Tel. +39 331 4441938
Sito web: www.agriturismolivigno.com
E-mail: [email protected]

Agriturismo Nasegn

Agriturismo Nasegn
Un tuffo nel verde, il sapore tipico dei piatti tradizionali, la cortesia valtellinese racchiusi in un piccolo angolo del Parco Nazionale dello Stelvio, paradiso alpino, ai piedi del Tresero.

Tel. 349 7762859
Sito web: www.agriturismonasegn.it
E-mail: [email protected]

Agriturismo in Italia

Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!