Agriturismi in Toscana - Val d'Orcia
Montalcino, San Quirico, Bagno Vignoni, Bagni San Filippo, Pienza

Agriturismo toscana
Gestisci un agriturismo e vorresti comparire in questa pagina? Scrivi a [email protected]

Montalcino, San Quirico, Bagno Vignoni, Bagni San Filippo e Pienza, queste le cinque perle della Val d’Orcia, un’ampia vallata a sud di Siena e a nord-est del Monte Amiata. Il territorio è costituito principalmente da un paesaggio di tipo collinare con forme dolci ed incisioni vallive poco accentuate. I centri abitati sono tutti contraddistinti da strutture urbane e da arredi architettonici collocabili in prevalenza in epoca medievale (XI-XIV secolo) e rinascimentale (XV-XVI secolo). La particolartà di questo territorio è costituita dalla presenza di moltissimi borghi, talvolta fortificati, e di insediamenti sparsi che nel loro insieme formano un reticolo di riferimenti storici, artistici, architettonici ed ambientali di eccezionale valore.

Val d'Orcia Val d'Orcia (foto Antonio Cazzaniga)

San Quirico d’Orcia, piccolo borgo cinto da mura, conserva un’importante chiesa romanica: la Collegiata. La sua costruzione fu iniziata nel 1080, su una struttura preesistente dell’VIII secolo. Molto eleganti i suoi tre elaborati portali romanici, con capitelli e architravi scolpiti con draghi, sirene e altre fiere. La chiesa è dedicata a San Quirico, ucciso dai Romani nel III secolo, che è ritratto in una pala d’altare di Sano di Pietro, insieme alla Vergine, al Bambino e ad altri santi. Accanto alla chiesa si trova Palazzo Chigi, del XVII secolo, con interessanti interni affrescati. Poco distanti si estendono gli Horti Leonini, un giardino del XVI secolo, dalle siepi sagomate, ideato come rifugio per pellegrini e viaggiatori.
Bagno Vignoni è un antico centro termale formato da un nucleo di case costruite intorno a una vasta piazza al cui centro sorge una grande vasca di pietra, circondata da un portico. Costruita durante il dominio dei Medici, la vasca è piena di acque solforose che salgono in superficie da una sorgente sotterranea di origine vulcanica. Le qualità salutari di queste acque sono rinomate sin dal tempo degli antichi romani e, secondo la leggenda, molte e importanti persone hanno cercato rimedio ai loro mali in questa piscina, inclusi Santa Caterina e Lorenzo de’ Medici. Oggi non è più possibile bagnarsi in questa vasca, ma sono a disposizione le piscine del centro termale.
Anche Bagni San Filippo deve la sua origine alla presenza delle acque termali con proprietà terapeutiche apprezzate fin dall'antichità. Si ritiene,infatti, che l'origine del centro termale sia etrusca, mentre è ben documentata l'esistenza di un insediamento romano in epoca imperiale.
Da visitare è la Grotta San Filippo, scavata in un solo grande blocco di travertino; qui secondo la legenda si rifugiò San Filippo Benizi nel 1267 per sfuggire all'elezione a papa e vivere in eremitaggio.
La principale attività degli abitanti di Montalcino è invece la produzione di vino, anzi del vino, visto che nel suo territorio si produce il vino italiano più famoso nel mondo: il Brunello di Montalcino. Entrati nel borgo, camminando su stradine ripide e tortuose si giunge alla Fortezza (XIV secolo), nel punto più alto del paese; gli imponenti bastioni furono aggiunti per volere di Cosimo I nel 1571. Scendendo dalla fortezza verso il centro, si incontra sulla destra il monastero di Sant’Agostino e la chiesa del XIV secolo, cui segue il Palazzo Vescovile, nel quale sono conservati i reperti archeologici rinvenuti nel corso di scavi nei dintorni, una collezione di dipinti di scuola senese, sculture dei secoli XII-XIV, incluse terracotte di Andrea della Robbia e vari dipinti di Sodomia (1477-1549). Sulla piazza del Popolo si affaccia il Palazzo Comunale che a volte ospita fiere vinicole. Molte le enoteche dove è possibile degustare e acquistare il Brunello.

Montalcino Montalcino (foto www.poderepoggiosalto.it)

Il centro di Pienza fu interamente ridisegnato per volere di papa Pio II. Nato in questa cittadina nel 1405, quando era ancora chiamata Corsignano, Enea Silvio Piccolomini fu famoso umanista e filosofo. Salito al soglio pontificio nel 1458, decise di commissionare nuovi edifici per Corsignano e di ribattezzarla Pienza, in proprio onore. Pensò di trasformare il luogo natìo in un tipico modello di città rinascimentale, anche se il grandioso schema non andò oltre pochi edifici intorno a piazza Pio II. L’architetto Rossellino ricevette l’incarico di costruire il Duomo, il Palazzo papale e il Municipio, che furono tutti completati nel giro di tre anni.
Vicino a Pienza sorge l’isolato monastero di Sant’Anna in Camprena, con magnifici affreschi di Sodomia. Fu fondato nel XIII secolo, ma l’edificio attuale risale al XVI secolo.

Pienza Duomo di Pienza (foto www.agraria.org)

Pienza Pienza (foto Antonio Giacomini)

Val d'Orcia Val d'Orcia (foto www.agraria.org)

Agriturismo
Agriturismo in Italia
Cerca nel sito

Scopri la Filiera Corta di Agraria.org!